giovedì 2 febbraio 2012

A' Canelòre

La candelora è una festa divisa tra cristianità e paganesimo.
L’Epifania conclude il ciclo Natalizio, ma un antico proverbio ci ricorda  che:

Pàsche Befanìe tutte feste porta vie, 
po' se gira a Canelòre: Stòche jie ancòre!

Ed infatti la festa della Candelora il 2 febbraio, che quaranta giorni dopo il Natale commemora la Purificazione di Maria, chiude definitivamente il periodo della nascita e del Natale.
Della Candelora si disfano i presepi e si fa l’ultima pettolata, come ricorda il proverbio:
D’a Canelòre s’astìpe a frizzola

Alla candela benedetta il giorno della candelora e conservata gelosamente sono attribuiti particolari poteri taumaturgici. La si accende in situazioni di emergenza, quando c’è un violento temporale, quando c’è un malato in famiglia, nell’assistenza di un moribondo, nell’attesa di una persona cara che non torna o si ritiene in grave pericolo.
Accendere il cero della Candelora, significa rivolgersi direttamente alla Madonna, che così è chiamata in causa in prima persona ad esaudire le particolari richieste dettate dall’urgenza del momento.
Il 2 febbraio, come tutti gli altri giorni festivi della Madonna, eccetto quello dell’Addolorata, è particolarmente indicato per la celebrazione di Matrimoni, e per l’inizio di grandi lavori, l’inizio di un’opera ancora nel tempo di Natale è ritenuto di buon auspicio per la sua fine.

Per il 2 febbraio, giorno della Candelora,  l’aumento delle ore di luce è evidente  e questo fa pensare già all’arrivo imminente della  bella stagione , ma un proverbio ci mette in guardia:

Quanne arrive a’ Canelòre  a’ vernate è fore, 
ma dice Sande Biase: Vide buene , ca mò trase.

(san Biagio è il 3 febbraio)

Il giorno della Candelora è anche il giorno da cui, la cultura popolare trae le previsioni del rimanente inverno:


Canelóra chiáre mese trùvele. .. 
Canelóra trùvele mese chiáre...

e anche:
Ce d'a Canelóre véne l'acqua menùte,
'a vernáte se n'ha sciùte... 

Ce d'a Canelóre luce 'u sóle chiáre,
Marze devènde Scennáre...
  
Quindi copritevi e accendete una candela benedetta che sotte ste chiare de luna......

Nessun commento: